MyCityBari: la trasformazione firmata MCA di un’ex clinica in un quartiere green

Innovazione ed equilibrio tra città e natura sono le fondamenta di MyCityBari, il progetto che rivoluzionerà una vasta area nel sud-est di Bari.

Sono anni di grandiosi progetti green e innovativi, il cui massimo comun denominatore è la firma di Mario Cucinella Architects, quelli che stanno interessando sempre più città italiane. Ad aggiungersi alla lista, infatti, è l’ex clinica Santa Lucia a Bari, destinata a trasformarsi radicalmente in quello che l’architetto alla base di MyCityBari, questo il nome del progetto, definisce “un laboratorio di soluzioni architettoniche che bilanciano con estrema attenzione lo spazio costruito e la natura”. Portiamoci dunque virtualmente sul tacco dello Stivale per scoprire di più su questo ambizioso intervento.

MyCityBari MCA

Design with nature

Il nostro obiettivo è creare un ambiente che promuova il senso di comunità e garantisca una migliore qualità di vita per tutti i residenti.

Sergio Manelli

Partendo da questa dichiarazione del CEO di Manelli Impresa, promotrice del progetto, appare subito chiaro quanto MyCityBari si proponga di diventare un ulteriore tassello in coerenza con il più grande filone di costruzioni e interventi di rigenerazione urbana firmati MCA, mettendo al centro il benessere dei residenti a trecentosessanta gradi. Con questo tipo di attenzione sono state progettate le 162 residenze, il parco attrezzato, le aree sportive, gli spazi commerciali e le autorimesse che andranno a donare nuova vita a quest’area di 22.500 mq: non solo equilibrando il rapporto tra città e natura attraverso la creazione di aree che incentivino la socialità e la riscoperta del verde, ma anche mediante la trasformazione dei tre corpi di fabbrica principali in un vero e proprio macro organismo capace di massimizzare i benefici del Sole e minimizzare l’impatto ambientale.

MyCityBari

Il “solar carving” e le strategie energetiche passive di MyCityBari

Su quest’ultimo aspetto vale la pena approfondire. Innanzitutto, la configurazione dalla forte identità degli edifici, che nella facciata esterna seguono linee spezzate e verso la corte residenziale interna linee organiche e sinuose, non è affatto casuale: prende il nome di solar carving, letteralmente “scultura dai raggi solari”, l’erosione del volume dal basso verso l’altro per creare un sistema geometrico e spaziale di terrazze verdi discendenti che favorisca l’ingresso della luce anche ai piani inferiori. Ma non finisce qui: poiché l’inserimento di aggetti permette di schermare la radiazione diretta, gli edifici al cuore di MyCityBari abbattono il loro fabbisogno di raffrescamento, andando a configurarsi come un esempio virtuoso di applicazione delle cosiddette strategie energetiche passive. Completa la serie di scelte oculate da un punto di vista energetico il colore delle superfici esterne delle varie costruzioni, volutamente chiaro per mitigare la temperatura percepita.

Condividi questo articolo:

Leggi anche:

Cerchi casa a Milano, in zona Isola?

Un quartiere con lo sguardo teso al futuro e i piedi saldi nella sua storia. Rivalutata dalla nuova City di Porta Nuova, l’Isola si conferma

Il design originale di Kindof

Kindof nasce nel 2014 da un’idea dei fratelli Luca e Mattia Ghielmi. Un’idea che diviene presto una sfida: usare un materiale semplice e di uso

Approfondimento sul lastrico solare condominiale

Precisiamo che con l’espressione “lastrico solare” si intende quella superficie piana posta sulla parte superiore dell’edificio che assolve essenzialmente la funzione di copertura dello stesso.

Cerchi casa a Milano, in zona Isola?

Un quartiere con lo sguardo teso al futuro e i piedi saldi nella sua storia. Rivalutata dalla nuova City di Porta Nuova, l’Isola si conferma

Il design originale di Kindof

Kindof nasce nel 2014 da un’idea dei fratelli Luca e Mattia Ghielmi. Un’idea che diviene presto una sfida: usare un materiale semplice e di uso

La rivoluzione di Amini

Amini, con la sua nuova collezione di tappeti outdoor, dà inizio alla rivoluzione. La storica azienda nata in in Afghanistan negli anni Sessanta (parte integrante

Utilizzando questo sito, accetti l’uso di cookie tecnici (anche di terze parti) per migliorare la tua navigazione. Per approfondire clicca qui.