A casa di Lucio Dalla con la blogger Elena Mora

La sua ombra ci accoglie già dall’esterno, sul muro della sua casa in pieno centro a Bologna, mentre le note delle sue canzoni vagano nell’aria ovunque, per le strade, nelle piazze… Lucio Dalla è Bologna e Bologna è, in qualche modo, Lucio Dalla.

Ma la sua casa, beh, la sua casa è incredibile… un prezioso presepe napoletano troneggiaall’ingresso tutti i mesi dell’anno: ma lui stesso lo aveva arricchito con una fila di pietre colorate alla base. Perché così premiava le opere della sua collezione che, indipendentemente dal valore o dalla epoca (dal 500 ai contemporanei) suscitavano in luiuna emozione speciale.

Quadri preziosi e ritratti ovunque, i dischi d’oro in bella vista, lo studio dove scriveva, e tappeti e tappezzerie e affreschi. La camera da letto è monacale nelle dimensioni ma regale nei quadri appesi al muro, crocifissi e corone, madonne e angeli. E nasconde un segreto: dietro una porticina c’è una scala: porta all’ammezzato, dove tante piccole finestre rettangolari permettono di sbirciare tutto ciò che succede nel soggiorno.

Nel suo studio il pezzetto di muro di Berlino davanti al quale ha scritto Futura, il nome della figlia di due immaginari innamorati di Berlino Est e Ovest divisi da quel muro. Ma c’è una stanza che davvero stupisce più di tutte: sulla porta c’è una targa con la scritta “la stanza dello scemo”. Ed è una vera e propria stanza delle meraviglie! Tutto rosso, la tappezzeria, i divani, i dettagli: un mega schermo in fondo, carillon e lucine ovunque e un trenino giocattolo gigantesco sul pavimento. La stanza di un grande, di un genio, di un bambino… Per visitarla info su www.fondazioneluciodalla.it

Condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su google
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Leggi anche:

Successione: come presentare la dichiarazione.

La successione è l’evento mediante il quale si realizza il trasferimento dei rapporti giuridici attivi e passivi dal soggetto defunto agli eredi. Può essere legittima

Il fondo patrimoniale: Prima parte

Con la riforma del diritto di famiglia (legge 151/75) il legislatore ha introdotto nel Libro I “Delle persone e della famiglia” l’istituto del fondo patrimoniale

Utilizzando questo sito, accetti l’uso di cookie tecnici (anche di terze parti) per migliorare la tua navigazione. Per approfondire clicca qui.