I 40 anni di Baleri

Il progetto espositivo all'ultima MDW ha lasciato il segno. Come Philippe Starck ha fatto per il brand di design

BALERI, marchio icona del design del XX secolo recentemente acquisito da Oniro Group, ha celebrato i 40 anni del brand attraverso un progetto espositivo all’ultima MDW. Con la firma dell’Architetto Franco Raggi, presso la Fondazione Sozzani.

E’ ispirato al Manifesto di Baleri Italia, realizzato a partire dal lavoro del Creative Advisory Board e basato sul concetto di libertà sostenibile. L’installazione ha dato corpo e sostanza al valore fondante dell’approccio lieve al progetto. Sia da un punto di vista materiale che concettuale.

Il marchio di Philippe Starck

Lo spazio della Fondazione Sozzani è da sempre dedicato a promuovere e divulgare l’attività culturale e artistica contemporanea in tutte le sue forme espressive. Era indispensabile quindi mettere al centro la figura di Philippe Starck e la sua collaborazione con l’azienda.

Il designer francese è stato tra i primi a collaborare con Baleri Italia sin dalla fondazione del brand. Nel 1984, Philippe Starck ha creato arredi che sono entrati nella storia del design.

I cinque pezzi in collezione non sono stato semplicemente esposti. Ma sospesi alle pareti, e raccontati anche in tutte le parti e componenti che solitamente non vengono percepite. Un grande specchio ne mette in mostra l’apparato costruttivo, consentendo di apprezzarli nella loro interezza.

La collezione

La Café Chair disegnata per il leggendario Café Costes di Parigi. Ma anche la sedia Francesca Spanish e la libreria Mac Gee liberamente ispirate a Ubik di Philip K. Dick. La poltrona Richard III e il tavolo President M dedicati al Presidente Mitterrand hanno accolto i visitatori con la loro potenza semantica. Riprodotti e rilanciati nel 2024 con estrema fedeltà rispetto agli oggetti originali.

Ai pezzi è stato dato il giusto risalto, anche grazie ai corpi illuminanti, che creano suggestivi giochi di luce. Si tratta delle floorlamp Triedro, disegnate da Joe Colombo per Stilnovo, partner dell’installazione.

Condividi questo articolo:

Leggi anche:

Cerchi casa a Milano, in zona Isola?

Un quartiere con lo sguardo teso al futuro e i piedi saldi nella sua storia. Rivalutata dalla nuova City di Porta Nuova, l’Isola si conferma

Il design originale di Kindof

Kindof nasce nel 2014 da un’idea dei fratelli Luca e Mattia Ghielmi. Un’idea che diviene presto una sfida: usare un materiale semplice e di uso

L’EDITORIALE DEL LUNEDI’

Se mi dovessero chiedere qual è la fase più importante di una compravendita, non esiterei a rispondere: la visita all’immobile. Da una parte ci sono

Cerchi casa a Milano, in zona Isola?

Un quartiere con lo sguardo teso al futuro e i piedi saldi nella sua storia. Rivalutata dalla nuova City di Porta Nuova, l’Isola si conferma

Il design originale di Kindof

Kindof nasce nel 2014 da un’idea dei fratelli Luca e Mattia Ghielmi. Un’idea che diviene presto una sfida: usare un materiale semplice e di uso

“CHI HA DORMITO IN QUESTO LETTO?”

Vi piacerebbe entrare a curiosare nelle dimore nobiliari più prestigiose d’Italia, ma non avete i contatti giusti? Nessun problema. “Chi ha dormito in questo letto?” è il

Utilizzando questo sito, accetti l’uso di cookie tecnici (anche di terze parti) per migliorare la tua navigazione. Per approfondire clicca qui.