Società: le città si vivono 10 minuti alla volta

Le città stanno mutando, così come cambiano le esigenze delle persone che sempre di più scelgono di vivere a pochi minuti dai propri punti di interesse.

Le vite stanno diventando sempre più frenetiche e avere tutto a portata di mano è una condizione necessaria per gestire meglio scadenze, spostamenti, impegni, vita lavorativa e tempo libero. Vivere vicino ai propri punti di interesse diventa quindi un’esigenza. 10 minuti di distanza da quel che ci serve è il tempo corretto. Che sia a piedi, in bicicletta o in auto. 

L’esigenza di vivere vicino a servizi e, in generale, ai propri punti di interesse è evidenziata anche dai risultati emersi da La casa che vorrei, l’ultima indagine di Casa.it, il sito e l’app di riferimento per chi cerca casa e per i professionisti del Real Estate, che ha coinvolto oltre 22 mila rispondenti. Al primo posto delle preferenze ci sono gli spazi verdi (60%), seguiti dai supermercati (58%), negozi e servizi (51%), e dalle fermate dei mezzi pubblici (48%). 

Le città hanno percepito e recepito questo tipo di esigenza e centri urbani come Milano, per fare un esempio, hanno cominciato a cambiare raccogliendo la sfida e trasformandosi in città diverse, di prossimità, le cosiddette città dei quindici minuti. La città dei quindici minuti, o del quarto d’ora, (La Ville du quart d’heure) è un progetto che parte da Parigi grazie alla sindaca Anne Hidalgo che ha riportato in auge il concetto di “neighborhood unit”, unità di vicinato, elaborato nel 1923 a Chicago. 

Su Casa.it le città del quarto d’ora sono, da tempo, una realtà. Grazie al Lifestyle Centric Search, la ricerca basata sugli stili di vita personali, lanciata come innovazione assoluta da Casa.it a settembre 2019, le persone hanno infatti uno strumento in grado di aiutarle a trovare la casa partendo da un punto di vista totalmente nuovo: la vicinanza ai punti di interesse. Su Casa.it si può cercare vicino alla metro, alle fermate degli autobus e dei tram, alle scuole, alle colonnine elettriche o ai supermercati, e a 10 minuti (a piedi, in bicicletta, in macchina) da dove si vive, si lavora, si studia o da qualsiasi altro punto di interesse. 

“Su Casa.it la città del quarto d’ora è già realtà da tempo. Abbiamo dato alle persone uno strumento in grado di aiutarle a scegliere la casa partendo da un punto di vista totalmente nuovo: la distanza dai punti di interesse”, commentaLuca Rossetto, CEO di Casa.it.“A confermare che questa esigenza è viva sono stati anche i risultati la nostra recente ricerca “La casa che vorrei” che ha coinvolto oltre 22 mila persone dove appare evidente un desiderio di vicinanza a tutti quei servizi che possono migliorare la qualità della vita, come i mezzi pubblici, le scuole o il supermercato”. 

Condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su google
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Leggi anche:

FRAG: Speciale tavoli rotondi

Argor è un tavolo con base interamente in cuoio la cui particolare forma prismatica non elimina però l’idea di morbidezza che suscita il materiale. Il

Utilizzando questo sito, accetti l’uso di cookie tecnici (anche di terze parti) per migliorare la tua navigazione. Per approfondire clicca qui.