Bari: firmati due accordi per riqualificare il capoluogo pugliese

Con la riqualificazione dell'ex ospedale militare Bonomo e il Piano Città di Bari, il centro più popoloso della Puglia compie un duplice passo nel segno della rigenerazione urbana.

ex ospedale Lorenzo Bonomo

Quattro realtà istituzionali, due accordi, un unico grande obiettivo: sono queste le cifre da considerare per comprendere la portata dell’impegno preso dal capoluogo della Puglia per riqualificare il patrimonio immobiliare pubblico di Bari. Protagonisti di questo duplice piano, diviso nella trasformazione della parte monumentale dell’ex ospedale militare Bonomo e nell’attuazione del Piano Città di Bari, l’Agenzia del Demanio, l’Adisu, il Comune di Bari e, naturalmente, la Regione Puglia. Vediamo in che modo la città più popolosa del tacco dello Stivale intende modificare il proprio assetto.

ex ospedale Lorenzo Bonomo di Bari

Ex ospedale militare Bonomo: il progetto che mette al centro gli studenti

In linea teorica, il diritto allo studio è uno dei capisaldi di una società funzionale. Un diritto che abbraccia e che deve essere garantito a ragazzi e ragazze di ogni età e ceto sociale. All’atto pratico, però, non di rado gli studenti si trovano a dover fare i conti con problematiche legate, solo per citare le più discusse negli ultimi giorni, al caro affitti e ai disagi connessi al condurre una vita da pendolare in realtà spesso martoriate da trasporti inefficienti o insufficienti. Per questo l’attenzione rivolta alla parte monumentale dell’ex ospedale militare barese rappresenta un importante segno di sensibilità al tema attraverso soluzioni concrete: i primi cinque padiglioni di questa porzione dell’immobile saranno adibiti ad alloggi per gli studenti fuorisede e servizi universitari, andando così a contribuire agli obiettivi del PNRR.

Piano Città di Bari: come cambierà il volto cittadino

Seconda, ma non per importanza, viene la sottoscrizione del protocollo d’intesa per attuare il Piano Città di Bari, un progetto di rigenerazione urbana basato sulla razionalizzazione, riqualificazione e riuso del patrimonio immobiliare pubblico del territorio. Coinvolgendo edifici pubblici quali l’ex caserma Tenente Magrone, le ex caserme Capozzi e Milano, la Cittadella della Cultura, Palazzo Sonnino, l’ex Teatro Margherita, l’ex Mercato del Pesce, l’ex Manifattura Tabacchi e l’area ex Fibronit, si andrà a creare una serie di interventi a basso impatto ambientale attraverso un approccio integrato con il piano di sviluppo pluriennale del territorio. Oltre agli alloggi universitari, aree vedi, residenze e laboratori di ricerca entreranno a far parte di un articolato insieme di nuove possibilità abitative, di studio e di socialità capaci di soddisfare in maniera ampia e diversificata i principali fabbisogni della cittadinanza.

Condividi questo articolo:

Leggi anche:

Cerchi casa a Milano, in zona Isola?

Un quartiere con lo sguardo teso al futuro e i piedi saldi nella sua storia. Rivalutata dalla nuova City di Porta Nuova, l’Isola si conferma

Il design originale di Kindof

Kindof nasce nel 2014 da un’idea dei fratelli Luca e Mattia Ghielmi. Un’idea che diviene presto una sfida: usare un materiale semplice e di uso

Domande e risposte insieme a Libero Rutilo

Buon giorno Libero, grazie per averci concesso quest’intervista. Per prima cosa vorrei che si presentasse e che ci raccontasse quali sono stati i segnali che

Gibus presenta la nuova pergola Med Varia

Le pergole Gibus sono uno spazio suggestivo ed emozionante in cui vivere luce e sole tutto l’anno, ad ogni età. Non solo: uno spazio altamente

Cerchi casa a Milano, in zona Isola?

Un quartiere con lo sguardo teso al futuro e i piedi saldi nella sua storia. Rivalutata dalla nuova City di Porta Nuova, l’Isola si conferma

Il design originale di Kindof

Kindof nasce nel 2014 da un’idea dei fratelli Luca e Mattia Ghielmi. Un’idea che diviene presto una sfida: usare un materiale semplice e di uso

La Cabina, il nuovo spazio di G.T.DESIGN

G.T.DESIGN, brand pioniere del tappeto contemporaneo, ha inaugurato al Fuorisalone di Milano il suo nuovo spazio permanente, “La Cabina”. Situato nel quartiere San Babila, in

Utilizzando questo sito, accetti l’uso di cookie tecnici (anche di terze parti) per migliorare la tua navigazione. Per approfondire clicca qui.