L’EDITORIALE DEL LUNEDI’

VISTA E PIACIUTA: LA COMPRO! MA COSA SUCCEDE QUANDO L’ACQUIRENTE SCOPRE I DIFETTI DELLA CASA DI CUI SI ERA INNAMORATO?

Una scena da idillio. Il compratore inizia a fantasticare dalle foto viste nel sito. Mi chiama e con urgenza mi chiede di conoscere al più presto la casa che sente già essere “sua”. Varca la soglia ma è solo un “pro forma”: tutto è come si era immaginato. Nemmeno alcune criticità evidenti riescono a demolire il suo entusiasmo.

Il sottotetto dove si trovano le camere è agibile ma non abitabile? “Non importa, tanto anch’io lo userò così”. Il bagno ricavato in camera non scarica bene? “Non importa! Tanto non lo useremo molto”

C’è poco da fare, anche in una compravendita immobiliare l’amore è cieco! Ma è proprio in questi casi che il mio personale campanello d’allarme inizia a emettere un segnale di pericolo.

Cosa succederà quando, passata l’infatuazione, i difetti della casa avranno la meglio sui pregi? 

Il modo più efficace per tutelarsi da eventuali ripensamenti da parte dell’acquirente o per specificare che l’acquirente è consapevole dei vizi e che, ciò nonostante, accetta il bene nello stato in cui si trova, è ancora una volta quello di far inserire fin dalla proposta d’acquisto la clausola del “vista e piaciuta”.

Tuttavia occorre fare attenzione, perché il discorso cambia completamente (e anche un accordo del genere non ha più valore) se il venditore ha taciuto dolosamente alcuni vizi della casa. Circostanza non rara, specie nelle compravendite tra privati. In questo caso, la parte acquirente potrà inviare una contestazione scritta al venditore, la cosiddetta “denuncia dei vizi”, in cui indicherà i difetti dell’abitazione. Fatto ciò, entro massimo un anno dalla consegna dell’immobile, sarà possibile intraprendere un’azione giudiziaria nei confronti della parte venditrice.

Ma per favore non date la colpa a noi agenti immobiliari … se vi passa l’entusiasmo!

Condividi questo articolo:

Leggi anche:

Il design originale di Kindof

Kindof nasce nel 2014 da un’idea dei fratelli Luca e Mattia Ghielmi. Un’idea che diviene presto una sfida: usare un materiale semplice e di uso

L’EDITORIALE DEL LUNEDI’

Quando si parla di arredamento si pensa soprattutto ai mobili e ai complementi. Eppure, quante volte ci è capitato di entrare in case con straordinari

L’EDITORIALE DEL LUNEDI’

Da esperto del settore, questa settimana vorrei suggerirvi alcuni accorgimenti da non trascurare, ma anche errori che sarebbe bene evitare accuratamente, quando si vuole vendere casa.

La rivoluzione nella bioedilizia per la salute

Gli architetti e gli interior designers amano utilizzare le risorse dei materiali intelligenti nella bioedilizia per creare scenografie verdi nei progetti di case ed ambienti.

Il design originale di Kindof

Kindof nasce nel 2014 da un’idea dei fratelli Luca e Mattia Ghielmi. Un’idea che diviene presto una sfida: usare un materiale semplice e di uso

L’EDITORIALE DEL LUNEDI’

Oggi vorrei parlarvi di una delle questioni più spinose che accompagnano una compravendita, ovvero della differenza tra metri quadri commerciali e metri quadri calpestabili: due

Utilizzando questo sito, accetti l’uso di cookie tecnici (anche di terze parti) per migliorare la tua navigazione. Per approfondire clicca qui.