L’EDITORIALE DEL LUNEDI’

VISTA E PIACIUTA: LA COMPRO! MA COSA SUCCEDE QUANDO L’ACQUIRENTE SCOPRE I DIFETTI DELLA CASA DI CUI SI ERA INNAMORATO?

Una scena da idillio. Il compratore inizia a fantasticare dalle foto viste nel sito. Mi chiama e con urgenza mi chiede di conoscere al più presto la casa che sente già essere “sua”. Varca la soglia ma è solo un “pro forma”: tutto è come si era immaginato. Nemmeno alcune criticità evidenti riescono a demolire il suo entusiasmo.

Il sottotetto dove si trovano le camere è agibile ma non abitabile? “Non importa, tanto anch’io lo userò così”. Il bagno ricavato in camera non scarica bene? “Non importa! Tanto non lo useremo molto”

C’è poco da fare, anche in una compravendita immobiliare l’amore è cieco! Ma è proprio in questi casi che il mio personale campanello d’allarme inizia a emettere un segnale di pericolo.

Cosa succederà quando, passata l’infatuazione, i difetti della casa avranno la meglio sui pregi? 

Il modo più efficace per tutelarsi da eventuali ripensamenti da parte dell’acquirente o per specificare che l’acquirente è consapevole dei vizi e che, ciò nonostante, accetta il bene nello stato in cui si trova, è ancora una volta quello di far inserire fin dalla proposta d’acquisto la clausola del “vista e piaciuta”.

Tuttavia occorre fare attenzione, perché il discorso cambia completamente (e anche un accordo del genere non ha più valore) se il venditore ha taciuto dolosamente alcuni vizi della casa. Circostanza non rara, specie nelle compravendite tra privati. In questo caso, la parte acquirente potrà inviare una contestazione scritta al venditore, la cosiddetta “denuncia dei vizi”, in cui indicherà i difetti dell’abitazione. Fatto ciò, entro massimo un anno dalla consegna dell’immobile, sarà possibile intraprendere un’azione giudiziaria nei confronti della parte venditrice.

Ma per favore non date la colpa a noi agenti immobiliari … se vi passa l’entusiasmo!

Condividi questo articolo:

Leggi anche:

Cerchi casa a Milano, in zona Isola?

Un quartiere con lo sguardo teso al futuro e i piedi saldi nella sua storia. Rivalutata dalla nuova City di Porta Nuova, l’Isola si conferma

Il design originale di Kindof

Kindof nasce nel 2014 da un’idea dei fratelli Luca e Mattia Ghielmi. Un’idea che diviene presto una sfida: usare un materiale semplice e di uso

L’EDITORIALE DEL LUNEDI’

Qualche giorno fa, curiosando nel web, mi sono soffermato sulle proposte allettanti dei vari competitor in merito alla valutazione di un immobile. Nella maggior parte

Cerchi casa a Milano, in zona Isola?

Un quartiere con lo sguardo teso al futuro e i piedi saldi nella sua storia. Rivalutata dalla nuova City di Porta Nuova, l’Isola si conferma

Il design originale di Kindof

Kindof nasce nel 2014 da un’idea dei fratelli Luca e Mattia Ghielmi. Un’idea che diviene presto una sfida: usare un materiale semplice e di uso

(Don’t) LOOK UP!

Arriva da una delle terre più fredde del pianeta, ma il suo temperamento è vulcanico. Ludmilla Radchenko, la pop artist e art designer amata da collezionisti come Sebastian Vettel, Jorg

SABA linea Sunset by Nicola Pavan

La nuova bèrgere Sunset si compone di una scocca e di un poggiatesta distinti per un motivo preciso: alleggerire la silhouette del prodotto creando una

Utilizzando questo sito, accetti l’uso di cookie tecnici (anche di terze parti) per migliorare la tua navigazione. Per approfondire clicca qui.