L’EDITORIALE DEL LUNEDI’

QUANDO SI PAGA LA PROVVIGIONE ALL’AGENTE IMMOBILIARE? LA LEGGE DICE ALL’ACCETTAZIONE DELLA PROPOSTA D’ACQUISTO. ANCHE SE QUALCUNO VORREBBE ARRIVARE FINO AL ROGITO.

Qualche cliente fa finta di niente, qualche altro dice che “non aveva capito” e con qualcun altro ancora, si arriva perfino a discutere. Allora, fughiamo ogni incertezza e diciamo subito che in materia di provvigione, la giurisprudenza parla molto chiaro.  L’agente immobiliare è, a tutti gli effetti, un mediatore tra le parti (venditore e acquirente, o locatore e affittuario). Quindi, secondo la legge, una volta che il contatto tra le parti è stato instaurato, al mediatore spetta, di diritto, una provvigione.

Questo, però, non significa che bisogna attendere il rogito!

Il diritto alla provvigione scatta non appena tra le parti si forma un vincolo giuridico che le impegna a concludere la trattativa. In una compravendita immobiliare, tale vincolo si stringe con l’accettazione della proposta d’acquisto che, come abbiamo più volte ricordato, ha la validità di un contratto preliminare a tutti gli effetti. Una volta che le due parti si sono “impegnate” reciprocamente, l’agente immobiliare ha, di fatto, concluso il suo lavoro. E, quindi, va pagato.

“Eh ma se poi, per qualche motivo, le parti non vanno più d’accordo e la compravendita non arriva al rogito?”  Sempre secondo la legge, il mediatore non è responsabile della stipula o meno dell’atto finale.

E qui già mi vedo i più malfidenti a storcere il naso e a obiettare subito contro la categoria. Quindi, per tranquillizzare chi legge, aggiungo subito che, anche se il lavoro di mediatore potrebbe concludersi con il compromesso, in realtà l’agente continua a svolgere il suo ruolo, facendosi spesso da moderatore o da paciere. Perché, mettendo da parte per un attimo la provvigione, quello che gli sta davvero a cuore è di riuscire a concludere il suo lavoro sempre con un lieto fine. 

Condividi questo articolo:

Leggi anche:

Il fondo patrimoniale: Prima parte

Con la riforma del diritto di famiglia (legge 151/75) il legislatore ha introdotto nel Libro I “Delle persone e della famiglia” l’istituto del fondo patrimoniale

MUTUO e IPOTECA: UN LEGAME NON SEMPRE LINEARE

Nel precedente approfondimento si è visto che l’acquisto di un immobile rappresenta una scelta impegnativa e richiede un’analisi attenta delle proprie condizioni finanziarie dal momento che

L’EDITORIALE DEL LUNEDI’

Qualcuno dice che sono spesso troppo polemico, anche nel mio lavoro. Allora ho pensato di raccontare un episodio che mi è capitato qualche giorno fa,

Utilizzando questo sito, accetti l’uso di cookie tecnici (anche di terze parti) per migliorare la tua navigazione. Per approfondire clicca qui.