L’EDITORIALE DEL LUNEDI’

LA VISITA ALL’IMMOBILE È IL MOMENTO DECISIVO DI UNA VENDITA. MEGLIO LASCIARE CHE SIA L’AGENTE A “FARE DA CUPIDO” TRA LA CASA E IL POTENZIALE ACQUIRENTE

Se mi dovessero chiedere qual è la fase più importante di una compravendita, non esiterei a rispondere: la visita all’immobile. Da una parte ci sono da considerare le aspettative del potenziale acquirente, dall’altra c’è da “tenere a freno” l’ansia del venditore di far apparire al meglio la sua casa. Una situazione già di per sé delicatissima, da trattare con grande professionalità e capacità, che potrebbe concludersi felicemente se, come spesso avviene, non fosse lo stesso proprietario a far precipitare tutto.

Vi racconto un episodio capitatomi di recente. Dopo aver spiegato che solo l’agente conosce le reali esigenze del compratore e che per questo solo lui sa su quali caratteristiche dell’immobile fare leva per suscitare il suo interesse; dopo aver spiegato che sarebbe stato meglio affidare a me la proposta di eventuali soluzioni per adattarlo e trasformarlo nella casa perfetta per lui; dopo essere finalmente riuscito a farmi dare carta bianca sulla conduzione della visita …  una volta varcata la porta d’ingresso i proprietari non sono proprio riusciti a “trattenersi” e hanno iniziato a decantare le meraviglie della loro casa:

“L’abbiamo fatta ristrutturare da un bravissimo architetto”; “nella sua cameretta mio figlio ospita sempre tanti amici”; “l’esposizione è la migliore di tutto il palazzo” … senza che il cliente avesse aperto bocca!

Avete presente quando entrate in un negozio di abbigliamento e i commessi diventano talmente assillanti che decidete di rinunciare al capo che in vetrina vi piaceva tanto? Ecco la situazione è stata all’incirca questa. Il cliente, che pure sapevo essere molto interessato, sentendosi in imbarazzo nell’esprimere liberamente il suo parere o nel porre qualche domanda, ha cordialmente salutato, dicendo che ci avrebbe pensato. 

Ora, non dico (anche se lo penso) che l’ideale sarebbe mandare l’agente da solo a condurre il sopralluogo ma, se davvero volete vendere casa, permettetemi di consigliarvi di fare solo da spettatori. Perché quando ho detto che la visita è il momento centrale del mio lavoro, intendevo dire che è proprio lì che si decide la vendita. Vi posso garantire che se il potenziale acquirente si innamora di una casa vedendola, poi non ci saranno più né difformità catastali né problemi con il mutuo a farlo desistere! 

Condividi questo articolo:

Leggi anche:

Il design originale di Kindof

Kindof nasce nel 2014 da un’idea dei fratelli Luca e Mattia Ghielmi. Un’idea che diviene presto una sfida: usare un materiale semplice e di uso

L’EDITORIALE DEL LUNEDI’

Meglio comprare casa prima di vendere, o viceversa? Il dilemma è amletico ed è pure una delle principali ansie che mi trovo a dover gestire

Domande e risposte in tema di Superbonus 110%

Oggi l’approfondimento è diverso nella forma perché assume la forma dell’intervista. Ho deciso di rivolgere alcune domande al collega Gennaro Colangelo in tema di Superbonus,

Il design originale di Kindof

Kindof nasce nel 2014 da un’idea dei fratelli Luca e Mattia Ghielmi. Un’idea che diviene presto una sfida: usare un materiale semplice e di uso

Utilizzando questo sito, accetti l’uso di cookie tecnici (anche di terze parti) per migliorare la tua navigazione. Per approfondire clicca qui.