Moroso alla Mostra del Cinema di Venezia: M’Afrique conquista la Terrazza Biennale

Con M'Afrique Moroso non si limita a esporre una collezione a Venezia: compie un viaggio attraverso luoghi lontani per portare l'artigianalità di Dakar alla Terrazza Biennale by Campari.

Modou

A pochi passi dal red carpet della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia sorge uno spazio dedicato agli eventi più esclusivi correlati ad uno dei festival più attesi dell’anno: la Terrazza Biennale by Campari, location di raffinata eleganza alla quale Moroso ha deciso di dare completezza portandovi l’eccellenza artigiana e la vocazione artistica che da sempre sono la cifra distintiva dell’azienda friulana. Lasciamoci dunque coccolare dalle curve, dai colori e dai lineamenti della collezione outdoor M’Afrique, coronamento di un progetto che porta con sé il sapore di terre lontane: quelle di Dakar, in Senegal.

Husk by Moroso
Al centro, il giallo della seduta Husk svetta sulla scena

Husk e Shadowy: dove tre continenti si incontrano

Il dehors della Terrazza Biennale by Campari del Lido di Venezia si accende dei toni decisi delle sedute Husk (foto in alto) e Shadowy (foto in basso), due delle protagoniste della collezione che va a rinnovare la partnership tecnica tra Moroso e la celebre manifestazione internazionale. La prima famiglia di sedute, omaggio di Marc Thorpe alle forme descritte dalle foglie di mais, porta nell’uso quotidiano l’architettura, al tempo stesso complessa e funzionale, di un elemento naturale tipico del Nord Italia.

Shadowy Moroso

Si torna all’Europa Settentrionale degli anni ’20, attingendo al contempo alle antiche manifatture africane, con le poltrone Shadowy, disegnate da Tord Boontje. Un passato che assume le forme di un trono moderno, delle linee che portano i segni di culture fra loro lontanissime: così Shadowy completa il nostro viaggio fra tre continenti. E abbiamo passato in rassegna solo due creazioni della collezione di Moroso.

Modou

Modou e Banjooli: il viaggio di Moroso tra futurismo e danze nuziali

Le sedute Modou (foto in alto) prendono il nome dal fabbro di Dakar con cui Ron Arad ha lavorato, portando nella Terrazza Biennale un tocco di futurismo. Ciascuna componente di questa famiglia di quattro sedute, ognuna con delle curvature speciali, nasce dall’incontro di figure differenti.
Ma le sorprese di M’Afrique di Moroso non finiscono qui: a completare il tripudio di colori, forme e tradizioni lontanissime sono gli arredi Banjooli (foto in basso), una serie di poltroncine, sedie e tavolini disegnati da Sebastian Herkner. La loro più grande particolarità? Un indizio ci viene fornito dal loro nome stesso, Banjooli, che in lingua wolof significa struzzo: con le loro curve, aperte e variopinte, sembrano descrivere i movimenti aggraziati e con cui il maschio spiega le ali ed esegue la sua danza nuziale.

Banjooli

Condividi questo articolo:

Leggi anche:

Cerchi casa a Milano, in zona Isola?

Un quartiere con lo sguardo teso al futuro e i piedi saldi nella sua storia. Rivalutata dalla nuova City di Porta Nuova, l’Isola si conferma

Il design originale di Kindof

Kindof nasce nel 2014 da un’idea dei fratelli Luca e Mattia Ghielmi. Un’idea che diviene presto una sfida: usare un materiale semplice e di uso

Nuova luce a Kensington

Una casa piccola e accogliente che riesca ad essere confortevole e dare l’idea di essere spaziosa. Questa è stata la sfida lanciata dall’albergatore svedese che

Cerchi casa a Milano, in zona Isola?

Un quartiere con lo sguardo teso al futuro e i piedi saldi nella sua storia. Rivalutata dalla nuova City di Porta Nuova, l’Isola si conferma

Il design originale di Kindof

Kindof nasce nel 2014 da un’idea dei fratelli Luca e Mattia Ghielmi. Un’idea che diviene presto una sfida: usare un materiale semplice e di uso

Come scelgo la casa per le vacanze?

In questo 2023 di “ponti”, di weekend lunghi, di scorci di vacanza in ogni mese, l’alloggio privato resta la soluzione ideale per chi desidera starsene

Utilizzando questo sito, accetti l’uso di cookie tecnici (anche di terze parti) per migliorare la tua navigazione. Per approfondire clicca qui.