FRAG: Speciale tavoli rotondi

Argor è un tavolo con base interamente in cuoio la cui particolare forma prismatica non elimina però l’idea di morbidezza che suscita il materiale. Il basamento ricorda un pezzo di carta modellato come a voler creare un origami le cui estremità sembrano pizzicate e piegate per dare origine ad una sagoma tridimensionale e, insieme al piano in cristallo che dona brillantezza, sembra una gemma preziosa. La struttura può essere diversificata attraverso le varie tonalità di colore del cuoio disponibili nel catalogo Frag adattandosi così a molteplici ambienti e gusti.

Argor – Design: Kensaku Oshiro

Archetipo del tavolo da pranzo rotondo, Artù di Michele di Fonzo , è un  oggetto dalle forme importanti e dal carattere sontuoso, dedicato ai diningpiù lussuosi e alle sale riunione più ricercate. La base del tavolo è composta da un cono a sezione quadrata rivestito in morbida pelle e impreziosito da un basamento e due profili in ottone brunito, dichiarando immediatamente lo statementdi questo oggetto dalla forte personalità.  Il piano, nei marmi di collezione, nelle versioni 180 e 200 è impreziosito da una barra in ottone brunito che richiama i profili del basamento dividendo in due semicerchi la pietra. A completamento e ornamento del tavolo, può essere aggiunto come accessorio un lazy-susan in marmo.

Artù – Design: Michele di Fonzo

Forma e sostanza si uniscono in Atelier, famiglia di tavoli dalla matrice geometrica disegnati da mist-o e ispirata ai cavalletti da pittore che sostengono le tele. Le diverse basi dalle forme generose e scultoree sono composte ognuna da un disegno fatto di piatte metalliche incrociate, diventando struttura e ornamento di questo progetto dal forte impatto estetico. Il pregio dei materiali e le importanti dimensioni di Atelier lo rendono infatti un perfetto centro stanza, capace di trasmettere nello spazio circostante la sua grande forza espressiva. Due versioni rettangolari ed una rotonda compongono la nuova collezione che amplia l’offerta di tavoli da pranzo offerta da Frag. Nelle versioni rettangolari, da 300cm e 240cm, Atelier è caratterizzato da due basi differenti, la prima, più complessa, si concretizza in due perimetri squadrati incrociati tra loro a cui vengono aggiunte altre due lastre metalliche centrali che ne arricchiscono il profilo. La seconda base è invece un singolo rettangolo la cui sagoma essenziale viene interrotta solo da una lastra metallica che lo attraversa in orizzontale. La versione tonda, dal diametro di 140cm, utilizza un’unica base che riprende il disegno prismatico che distingue Atelier.

Nella scelta dei piani, Frag ha voluto mostrare da un lato un’anima più classica con un prezioso top noce, dall’altro un gusto contemporaneo proponendo una finitura materica effetto pietra color sabbia. Oltre alle versioni proposte da Frag, la libertà offerta dalle diverse basi consente di personalizzare le dimensioni dei piani in base alle esigenze abitative più diverse.

Atelier – Design: mist-o

Linee semplici e decise. Paipu è un tavolo da pranzo ideato da Dainelli Studio, disponibile in due varianti, tondo ed ovale, dall’evocativo sapore che richiama i diktat dell’architettura high-tech anni ’70, dove tutti gli elementi impiantistici e strutturali venivano trasferiti sulle facciate e lasciati interamente a vista.

Paipu – Design: Dainelli Studio

I tubolari in acciaio curvato che compongono la base, regalano movimento e rigore al progetto, dialogando in armonico contrasto con la ricchezza del prezioso piano in marmo o vetro. L’importante diametro dei tubi in acciaio che compongono il basamento trasmette una sensazione di solidità ma al contempo di morbidezza visiva data dall’assenza totale di spigoli. Nella sua versione tonda il tavolo è sorretto da singola base con tubolari disposti a croce, mentre la versione ovale è sorretta da una doppia base con tubolari disposti a “t”. L’essenzialità della forma e dei volumi rende Paipu un tavolo adatto sia per gli spazi residenziali che per gli ambienti il contract.

Condividi questo articolo:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su google
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Leggi anche:

Uberto Comunale si racconta ai nostri lettori

Americano di nascita si trasferisce con la famiglia in Italia quando è ancora bambino. Laureato in giurisprudenza, Uberto Comunale, intraprende sin da subito una carriera

Il mio condominio è diverso

Cari lettori, ormai siamo a Natale e nell’aria si assapora la sua magia, con l’intervista di oggi non possiamo trasmettervi la magia del Natale ma

Utilizzando questo sito, accetti l’uso di cookie tecnici (anche di terze parti) per migliorare la tua navigazione. Per approfondire clicca qui.