Soft cruelties: a Berlino il “mondo pietrificato” di Lena Marie Emrich

Partendo dalla pietra acrilica HIMACS, con Soft Cruelties l'artista tedesca mette in mostra un'arte capace di denunciare l'impatto dell'overtourism.

Cosa accomuna mete così diverse come Venezia, il lago di Braies e Uluru? Da una prospettiva ottimista, la grande bellezza e unicità di ogni loro scorcio; da un punto di vista più disincantato e attento alle problematiche del mondo di oggi, invece, l’assalto di visitatori meglio noto come overtourism da cui sono sempre più interessate (e impattate). Dal desiderio di porre l’accento su questo fenomeno nasce a Berlino Soft cruelties, esposizione ideata da Lena Marie Emrich, inaugurata il 16 settembre e aperta al pubblico fino al prossimo 11 novembre. Vediamo in che modo l’artista tedesca ha scelto di andare a colpire la sensibilità del visitatore.

In Limbo, mostra Soft Cruelties
In Limbo, una delle opere esposte alla mostra di Lena Marie Emrich

Fresato, inciso e levigato: il Solid Surface come veicolo di un messaggio

Partendo da un materiale normalmente usato in architettura, il Solid Surface di HIMACS, la protagonista di Soft Cruelties ha compiuto un sottile lavoro di costruzione tra realtà, finzione e speculazione. Detto altrimenti, la Emrich ha estrapolato una serie di oggetti e materiali di uso quotidiano dal proprio contesto di appartenenza trasformandoli in arte; arte che, in questo caso, si è tradotta in una serie di opere frutto di manipolazioni oppure sovraestetizzate, fruibile in un’atmosfera volutamente sobria ed elegante favorita dalle scelte cromatiche dei materiali, dall’Aurora Cotton della collezione Marmo al Beach Sand della collezione Exteria.

Uno dei pezzi della collezione HIMACS alla mostra Soft cruelties
Una delle opere di punta di Soft cruelties: Menage a Trois, arredo da conversazione dalle superfici levigate

Le “Soft cruelties” dell’overtourism

Nelle superfici perfette, lisce e non porose dei rilievi scolpiti nella pietra o delle opere nate dalla decontestualizzazione di arredi come in Menage a trois, la versatilità della pietra acrilica di ultima generazione si piega all’arte concettuale creando il terreno per indagare uno dei fenomeni turistici più discussi negli ultimi anni. E ci riesce anche. Risultato: un mondo pietrificato nel quale ogni carattere effimero scompare e il contrasto tra realtà e finzione emerge in tutta la sua potenza assieme al conflitto tra la ricerca del piacere individuale e i principi morali di ognuno in diverse forme.

Condividi questo articolo:

Leggi anche:

Cerchi casa a Milano, in zona Isola?

Un quartiere con lo sguardo teso al futuro e i piedi saldi nella sua storia. Rivalutata dalla nuova City di Porta Nuova, l’Isola si conferma

Il design originale di Kindof

Kindof nasce nel 2014 da un’idea dei fratelli Luca e Mattia Ghielmi. Un’idea che diviene presto una sfida: usare un materiale semplice e di uso

Cerchi casa a Milano, in zona Isola?

Un quartiere con lo sguardo teso al futuro e i piedi saldi nella sua storia. Rivalutata dalla nuova City di Porta Nuova, l’Isola si conferma

Il design originale di Kindof

Kindof nasce nel 2014 da un’idea dei fratelli Luca e Mattia Ghielmi. Un’idea che diviene presto una sfida: usare un materiale semplice e di uso

La rivoluzione di Amini

Amini, con la sua nuova collezione di tappeti outdoor, dà inizio alla rivoluzione. La storica azienda nata in in Afghanistan negli anni Sessanta (parte integrante

Utilizzando questo sito, accetti l’uso di cookie tecnici (anche di terze parti) per migliorare la tua navigazione. Per approfondire clicca qui.