Friday, 07 August 2020
DimoraMagazine

Una dimora di tendenza…passa prima dall'arredamento!

Intervista a Francesca e Giuseppe Cesari di Ostilio Mobili

Arredamento e dintorni. Non ci si stanca mai di dirlo: i giusti mobili da adattare ad un ambiente domestico, non sono né mai costituiranno un cliché, o peggio, un’opzione superata o da considerare solo quando si ha tempo e voglia!

È per questo che, la casa che vogliamo, rimane in linea diretta con i nostri desideri solo se scegliamo di affidarci ad un negozio di arredamento serio, affidabile, e all'avanguardia. È il caso di Ostilio Mobili, che nel comune bresciano di Capriolo, accoglie la clientela con un’offerta puntuale e spinta ai massimi livelli della richiesta, per soddisfare le esigenze individuali, e portare a buon fine la voglia di espressività personale di ciascuno degli acquirenti. Ho chiesto di saperne di più a Francesca e Giuseppe Cesari - titolari dell’azienda – con un’intervista. Ecco cosa mi hanno raccontato.

Ho notato che Ostilio mobili si propone come punto di riferimento dell'arredamento con stile, essendo tra l'altro dotato di un apposito sito web ricco di immagini e informazioni puntuali e molto dettagliate - inerenti ambienti da arredare, mobili da impiegare, e dando consigli su spazi da sfruttare - utili a procacciare una clientela varia per differenti aree geografiche sicuramente non solo italiane. In tal modo, quanto siete aperti al mercato internazionale, e che tipo di clientela ricevete quotidianamente?

"La Lombardia è il nostro attuale bacino di maggior rilievo visto che l’ottanta per cento del nostro fatturato proviene da vendite nella nostra regione di residenza, il restante venti per cento si ridistribuisce nelle varie regioni italiane con una prevalenza nelle regioni limitrofe del nord Italia per poi valicare i nostri confini nazionali sia con clienti europei da Inghilterra, Francia, Spagna, Germania e Svizzera, che extraeuropei da Miami, Mosca, Praga, Dubai, Nigeria e Shanghai. La nostra fortuna è che siamo in grado di soddisfare qualsiasi tipo di clientela: dalla giovane coppia che si approccia per la prima volta al mondo del mobile e che dispone di un budget limitato e vuole arredare un piccolo appartamento, ad una clientela in possesso di un budget decisamente più significativo che arriva a spendere anche cifre molto importanti per una cucina di casa".

Sono quasi certa, che le richieste dei marchi da acquistare varino in base alla clientela. Me lo confermate? Se è così, quali sono le richieste in base ai soggetti? "Tutto varia in base alla clientela. Oggi il cliente è diventato molto più esigente, ma anche più preparato. Di conseguenza, le marche richieste, variano sia in base all'età della clientela, che ovviamente alla disponibilità di spesa".

ostilio 2

Non ho potuto non notare inoltre, che, al di là di una vastissima gamma di mobili, proponete anche una consulenza apposita per chi volesse farsi consigliare su come sfruttare gli spazi di casa e non solo, in maniera intelligente. A tal proposito, potrebbe indicarmi a che tipo di esigenze vi capita più spesso di andare incontro? "Ci sono molti mobilifici, e i mobili che abbiamo noi si possono trovare anche in altri negozi. Noi riteniamo che la differenza la faccia il servizio che si è in grado di offrire al cliente. Dal rilievo misure alla progettazione con relativi consigli, schema, impianto elettrico e idraulico per la cucina. Ma soprattutto alla fase del montaggio che deve essere fatto a regola d’arte e da personale specializzato con un valore aggiunto finale nel seguire il cliente anche nel postvendita con una adeguata assistenza in caso di bisogno. Non basta una bella progettazione se a questa non si fa poi seguire un corretto montaggio dei mobili, e noi di Ostilio cerchiamo di curare nei minimi dettagli questa fase che riteniamo fondamentale per una buona riuscita del progetto iniziale di arredo. Questo non significa che siamo esenti da errori, ma certamente ci impegniamo a cercare di ridurli al minimo e a porre rimedio in caso se ne presentino".

Credo che gli italiani siano degli arredatori di buon gusto, nonché degli amanti del bell'abitare. Siete d'accordo? Su che stile generalmente si basa un italiano quando sceglie di arredare casa? È più classico, moderno, minimal, o country? Ciò, oltre ai gusti, varia molto in base ai metri quadrati a disposizione? "In Italia, il “mattone” - meglio definito come casa - ha ancora un suo valore a differenza di altri Stati, e di conseguenza dopo che una famiglia ha comprato casa cerca di arredarla nel miglior modo possibile. Lo stile è ciclico: c’è stato il periodo del moderno bianco e nero, del classico, del country e dell’arte povera. Per anni si sono venduti mobili importanti. Ora notiamo un ritorno al moderno in alcuni casi anche minimal, con materiali nuovi come i materici, acrilico, unicolor, marmo, legno, cemento, lapitec, l’HPL, il dekton e altro, ma la scelta non varia in base alla metratura ma in base al budget di cui si dispone".

Ostilio 1

Dalle descrizioni in dettaglio che vengono proposte sin dalla consultazione sul web, si vede bene che tenete molto a specificare che i vostri complementi d'arredo trovano il proprio punto di forza nei materiali che sono parecchio vari. Legno, marmo, vetro, ceramica, addirittura innovativi come cemento e lapitec. Quali sono i più venduti, e quali quelli che mostrano di avere una migliore resa decorativa puntando tutto sull'originalità e l'impatto visivo? "La nostra realtà quest’anno compie 51 anni e questo penso possa essere un buon biglietto di presentazione che dimostri quanto teniamo a far bene il nostro lavoro. Siamo sempre e lo saremo ancora sinceri con i nostri clienti. Siamo convinti di dover dare la giusta informazione sul mobile che stiamo vendendo, sul materiale con cui è composto e relativi pregi e difetti che questi possono offrire. Dal legno, al laminato, al materico, o di qualsiasi altro prodotto si tratti. Per questo siamo sempre chiari e cerchiamo di fornire al cliente tutte le informazioni utili, anche se la scelta finale spetta sempre al cliente. Non vogliamo truffare nessuno: abbiamo arredato case per 4 generazioni di nostri clienti e questo pensiamo sia un grande riconoscimento di stima e serietà nei nostri confronti. Come già detto, i prodotti variano a seconda delle disponibilità che il cliente ha, poi noi cerchiamo di consigliarlo nel prendere il prodotto migliore che non sempre può essere quello in legno o laccato, ma in alcuni casi può essere anche il melaminico. Io personalmente quando vendo camerette per bambini vado a specificare bene la differenza tra il legno, il laccato e il melaminico o materico e il più delle volte consiglio il melaminico cercando di far capire al cliente che non è scontato che perché un materiale costi meno debba essere meno pregiato. Sicuramente le finiture sono diverse ma nel caso delle camerette penso conti molto anche una praticità e resistenza dei materiali a discapito di altri materiali sicuramente più nobili come il legno o il laccato ma estremamente più delicati".

Ha qualche curiosità in più da rivelare sull'attività di Ostilio Mobili? "Da Ostilio Mobili trovate sempre presente uno di noi fratelli titolari dell’azienda con cui interfacciarvi, e in grado di rispondere per tutto ciò che succede in negozio. Quindi un punto di riferimento a cui rivolgervi in caso di necessità, sia durante che dopo la vendita. Anche questo, secondo noi, è parte fondamentale della policy della nostra azienda che mira a garantire la massima collaborazione e assistenza alla clientela, con l’obiettivo di riuscire sempre a soddisfare al meglio le richieste di tutti." 

Ambra Taormina

Pin It

Sfoglia le altre nostre testate:

logoway2

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato!

Ti può interessare

Copyright © 2019 FD Media Group srls - Via G. Leopardi,21 - 20123 Milano (MI)
Redazione C/O Damiano Gallo Estates C.so di Porta Nuova, 52 - 20121 Milano (MI)
CAP. SOC. 2.000 EURO I.V. - C.F E P.IVA 09406270968 - REA MI - 2087986 - ROC n° 2640
Le immagini all'interno di questo sito sono inserite in modo casuale in base a gli argomenti degli articoli,
se qualcuna di queste viola il copyright, comunicacelo all'indirizzo redazione@dimoramagazine.it
e provvederemo a rimuoverla tempestivamente.
 
I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.